Seminario Teatrale Residenziale a Roma

seminario teatrale residenziale romaSeminario Teatrale Residenziale a ROMA

Con pernottamento o anche senza pernottamento

PENSARE PER AZIONI e avvicinarsi alle tecniche dei grandi Maestri del '900: Stanislavskij, Grotowski, Barba ed applicare nella pratica il METODO delle AZIONI FISICHE .

per aspiranti attori, attori, danzatori, studenti di università ed accademie, animatori ed insegnanti.

il seminario teatrale residenziale a Roma è condotto da Sandro Conte

E' infinitamente creativo, produttivo ed efficace ritrovarsi in un posto in cui l'unico obiettivo della giornata è "Fare Teatro".  Non ho nessun altro pensiero, non devo correre di qua e di là distratto dalla vita di tutti i giorni, devo solo pensare a "Fare Teatro": che meraviglia!

 Sede: LA VILLETTA, Via degli Armatori n. 3 – Via Passino n. 26 a Roma Garbatella,

nel cuore dell'atmosfera architettonica del "Barocchetto Romano" -  vedi mappa


Il seminario teatrale residenziale a Roma è aperto a tutti ed è per tutti          -          non è richiesta nessuna esperienza precedente 


Seminario Teatrale residenziale a Roma ISCRIZIONI e COSTI del seminario teatrale residenziale a Roma Seminario Teatrale residenziale a Roma


 

TRE SORELLE CECHOV28 luglio - 3 agosto 2019 - TRE SORELLE di CECHOV con breve performance finale

6 giorni per circa 36 ore di teatro

Nei 6 giorni lavoreremo sulle Tre Sorelle di Cechov tramite il Metodo dell Azioni Fisiche e realizzeremo una breve performance finale

Ogni seminario ha un suo programma specifico, Tutti i dettagli nel menù a tendina a fondo pagina VAI


SEMINARIO TEATRALE MONOLOGO1 - 3 novembre 2019 -  il MONOLOGO e l'AZIONE dell'attore

3 giorni per circa 18 ore di teatro.

"Se il testo deve essere reso plastico da una parte e musicale dall'altra, allora la questione principale è portare il gesto nel testo recitato" (R. Steiner)

Ogni seminario ha un suo programma specifico, Tutti i dettagli nel menù a tendina a fondo pagina VAI


ORARI PER TUTTI I SEMINARI

PRIMO GIORNO: Primo appuntamento intorno alle ore 13,00, così i non romani avranno la possibilità e il tempo per arrivare tranquillamente a Roma. Ci conosceremo durante un buon pranzo e poi inizieremo le attività teatrali. (I non romani che desiderino arrivare a Roma la sera prima ci contattino per accordi)
ULTIMO  GIORNO: inizieremo le attività teatrali un pò più presto al mattino, intorno alle 9,30, così da terminare intorno alle 14-14,30 e  anche i non romani avranno tutto il tempo per rientrare tranquillamente a casa per la sera. 

NEI GIORNI INTERMEDI: Attività teatrali dalle 10,00 alle 16,00 circa.


 
Seminario Teatrale residenziale estivo PER TUTTE LE ALTRE INFO SUL SEMINARIO TEATRALE RESIDENZIALE A ROMASeminario Teatrale residenziale estivo

freccia.png CLICCA SUI MENU' A TENDINA QUI SOTTO freccia.png

faqresidenziali

Seminario Teatrale Residenziale a Roma: A CHI SI RIVOLGE

Il Seminario teatrale residenziale a Roma,

realizzato in base alle nostre esperienze, è una Master Class organizzata in modo che tutti possano partecipare. Sia chi ha esperienza, e dunque desidera appunto una Master Class, ma anche chi non ha nessuna esperienza e desidera avvicinarsi al mondo del teatro tramite un corso qualificato. Ognuno recepirà in funzione della Sua preparazione e tutti si troveranno a proprio agio. Facciamo un esempio: se andiamo a vedere un film in lingua originale tutti parteciperanno alla visione, qualcuno capirà di più e qualcuno meno, ma tutti recepiranno la bontà o meno del film, tutti ne capiranno la trama, tutti avranno ricevuto qualcosa dal film. Così è anche per questo seminario residenziale PENSATO appunto per TUTTI.

Il seminario teatrale residenziale a Roma,

è per tutti gli amanti del teatro, aspiranti attori, insegnanti, studenti di università e accademie, animatori, attori, danzatori.

Il seminario teatrale residenziale a Roma,

si rivolge a tutti coloro che hanno sempre sognato di “fare teatro”, indipendentemente dal livello di preparazione e da specifiche esperienze pregresse nel campo

Non è richiesta nessuna esperienza precedente.

Non ci sono limiti di età e non sono richieste particolari attitudini fisiche.

Questo seminario teatrale residenziale è aperto a tutti ed è per tutti

Seminario Teatrale Residenziale a Roma: CONDUZIONE e SEDE

Seminario teatrale residenziale a Roma

Il seminario è condotto da Sandro Conte , e/o da attori del Teatro di Nessuno 


Sede: LA VILLETTA, Via degli Armatori n. 3 – Via Passino n. 26 a Roma Garbatella,

nel cuore dell'atmosfera architettonica del "Barocchetto Romano" -  vedi mappa

Disporremo di una sala per le attività teatrali. Poi, una volta finito di far teatro, Roma ti offre mille e più opportunità culturali e di divertimento.

 

la villetta
La Villetta, a sinistra via Passino, a destra via degli Armatori

           

la villetta
Una serata a cena alla Villetta a Roma Garbatella

 

Seminario teatrale residenziale a Roma: TRE SORELLE di Cechov - PROGRAMMA 28 luglio- 3 agosto 2019

tre sorelle cechov
The front cover of the first edition of Three Sisters published 1901 by Adolf Marks, St Petersburg

Programma del seminario teatrale residenziale a Roma

condotto da Sandro Conte

Il seminario residenziale sarà incentrato sul Metodo delle Azioni Fisiche con cui si lavorerà sulle Tre Sorelle di Cechov, su cui realizzeremo una breve performance finale  

con riferimento alle tecniche di lavoro dell’ Odin Teatret di Eugenio Barba

Breve presentazione del testo: “A Mosca…a Mosca…”, è il desiderio delle Tre Sorelle di Cechov (1900). La viva sensazione è che il loro vero cuore stia nelle cose non dette e nei molteplici livelli interpretativi simbolici in cui traspare il tema principale: il tempo. E’ lecito sognare un futuro, ma l’oggetto del desiderio appare lontano e irraggiungibile: “A Mosca…a Mosca…”. L’unica via di fuga è un luogo della memoria denso di una inevitabilità che lascia attoniti, un tempo che a malapena vive prigioniero di un passato cristallizzato come in una foto d’epoca ingiallita dal tempo.

ATTENZIONE:  si consiglia al partecipante di arrivare al Seminario teatrale residenziale a Roma dopo aver letto il testo di lavoro: Tre Sorelle di Cechov. Avendo cura di scegliere uno dei personaggi, quello a cui si sente più vicino, e con la memoria di almeno una battuta dello stesso personaggio. La scelta del Personaggio e della battuta è assolutamente libera e personale.


  • Ore di lavoro: circa 5/6 al giorno 
  • Finalità: Il seminario ha come finalità di introdurre il partecipante al metodo della "azioni fisiche”, elaborato sul finire della sua esperienza da Stanislavskij, poi ripreso da J. Grotowski ed Eugenio Barba e dal suo Odin Teatret. Realizzare una breve performance finale sul testo scelto per quest'anno ( vedi sopra)

Breve Presentazione del Seminario Teatrale residenziale

Stanislavskij, alla fine della sua vita, elabora il metodo delle azioni fisiche: "Dobbiamo ricorrere a compiti fisici, poiché il corpo è incomparabilmente più solido del sentimento".  Metodo delle azioni fisiche poi ripreso e sviluppato da Jerzy Grotowski, da Eugenio Barba e dal suo Odin Teatret.
 
Scriveva J. Grotowski: “…è il corpo che ricorda…”. Quale relazione esiste tra la “memoria emotiva” di Stanislavskij e la tesi di Grotowski? Come si raggiunge una “azione fisica necessaria”, come scrive Eugeno Barba ? 
 
Il seminario introdurrà il partecipante alla “essenzialità” dell’“azione fisica”, alla sua “necessità”. Quali le interazioni tra l’”azione fisica” proposta dall’attore e quella interessante per lo spettacolo, per il regista? 
 

Programma di massima del seminario teatrale residenziale

Nei primi giorni: i partecipanti si troveranno di fronte a stimoli creativi che tenderanno a formare il gruppo, ad indagare le proprie potenzialità e quelle dei compagni tramite semplici e divertenti esercizi di improvvisazione fisica e vocale.

Scopriremo insieme la differenza tra il "movimento" della vita di tutti i giorni e l' "Azione Fisica".

Esploreremo come l' "Azione Fisica", apparentemente astratta, ben si coniuga con la realtà del movimento quotidiano e come modifichi l'emissione vocale al variare dello stimolo iniziale.

Ci divertiremo in un gioco di corpo e gioco di voci. Un viaggio avventuroso e stimolante alla scoperta di un mondo nuovo e spesso inesplorato: la forza espressiva e sorprendentemente creativa che è in ognuno di noi e che il teatro riesce magicamente a far uscire allo scoperto. 
 
Negli ultimi giorni: proveremo a mettere insieme il testo, che conosciamo a memoria, con le “nostre” azioni fisiche, quelle elaborate nei primi giorni.

Scopriremo che ad uno stesso testo corrispondono più “azioni fisiche”, a volte anche in contrasto tra loro.

Sperimenteremo la differenza tra una interpretazione “naturalistica” ed una incentrata sul “Metodo delle Azioni fisiche”.

Sul finire, se ci sarà tempo, proveremo a tracciare un flebile sentiero che ci indirizzi nella direzione dei "Mystery plays" di Jerzy Grotowski: brevi etno drammi, con una struttura ripetibile, rivelazioni di Se che tendono a riscoprire i legami personali con la tradizione.

Nel corso del seminario saranno toccati i seguenti punti:

(I temi sotto indicati sono solo degli esempi e l’elencazione non è conseguenziale, nella realtà tenteremo di “far accadere” più che indirizzare, nel senso che siamo pronti ad adattare il programma a quello che dovesse "accadere" durante il seminario. Dunque non un programma statico, ma dinamico.)

  • Esercizi di rilassamento
  • Studio delle capacità espressive delle singole parti del corpo
  • Tensione e Distensione Muscolare
  • Movimento e "Azioni fisiche"
  • L'improvvisazione 
  • L'Immaginazione
  • Rottura degli automatismi espressivi del corpo e della voce
  • orchestrazione del corpo (segmentazione - dissociazione - coordinazione)
  • Equilibrio e disequilibrio
  • Lavoro sull’animale (elementi)
  • Studio sulle "camminate"
  • Ricerca e studio dei risuonatori vocali
  • Creazione di nuovi linguaggi e di azioni vocali
  • Montaggio delle azioni per la creazione di un training quotidiano
  • Organicità delle azioni e del ritmo
  • Giochi e tecniche per l’improvvisazione fisica e vocale
  • La Via al Personaggio
  • la Partitura fisica (cos'è e come ognuno trova la propria)
  • Orientare il lavoro dell’attore a far succedere invece che a far vedere
  • Come costruire un personaggio
  • Verità Scenica e Finzione
  • "Ci credo, non ci Credo"
  • Attenzione e Concentrazione
  • Memoria Emotiva
  • Costruire una "linea ininterrotta" di azioni ed emozioni
  • Le Partiture Fisiche
  • Testo e Sottotesto
  • Studio di scene e monologhi 
  • Fusione dell'Azione fisica con vari stimoli: musica, colori, parole, associazioni di idee;
  • Montaggio del testo con l'azione fisica;

Alla fine del seminario ogni partecipante avrà "scoperto" la sua propria "Azione Fisica necessaria".

Con piacevole sorpresa verificheremo che un'Azione Fisica iniziale, da astratta, dopo alcuni passaggi e approfondimenti, ora ben si coniuga con l'energia emotiva potenzialmente nascosta nel testo scritto.


 
Nella giornata conclusiva realizzeremo una breve performance finale sulle Tre Sorelle di Cechov.

 

Se hai domande o qualcosa non ti è chiaro, CHIAMA o SCRIVI CONTATTI

Seminario teatrale residenziale a Roma: Il MONOLOGO e l'AZIONE - BREVE DESCRIZIONE E PROGRAMMA 1 - 3 novembre 2019

BREVE DESCRIZIONE: Affrontare la messinscena di un monologo è per un attore una delle sfide più difficili ed impegnative.

Il rischio è da una parte una eventuale "piattezza", dall'altra che per "strafare" prevalga il "gigione" che purtroppo è sempre in agguato.

Dovremo dunque trovare una via per "entrare" ed "appropriarci" del testo non tramite una comprensione intellettualistica, ma con una partecipazione emotiva allo stesso che ne scandagli il "sottotesto".

Le parole di ogni copione sono in genere chiare, ma cosa sottendono ? Come il cuore che pulsa ci tiene in vita, cosa scandisce ogni passaggio del testo, quale vita vi si cela ?

Il Seminario teatrale Il MONOLOGO e l'AZIONE dell'attore fornirà le tecniche per rispondere a queste domande e condurrà l'attore, passo passo, fornendo gli strumenti per affrontare e costruire il proprio monologo


 

ProgrammaSeminario Teatrale Costruzione di un MONOLOGO

Seminario Teatrale Il MONOLOGO e l'AZIONE dell'attore

"Se il testo deve essere reso plastico da una parte e musicale dall'altra, allora la questione principale è portare il gesto nel testo recitato" (R.Steiner)

Il seminario, condotto da Sandro Conte, fa riferimento alle tecniche di lavoro dell’ Odin Teatret di Eugenio Barba

 

  • "Azioni Fisiche", qualche parola in più
  • Giorni e ore di lavoro:  Il seminario ha una durata di 2 giorni, per circa 5 ore di lavoro al giorno
  • Finalità: Il seminario ha come finalità di indirizzare il partecipante alla costruzione del proprio Monologo.
  • Per il partecipante: Il partecipante dovrà imparare a memoria un breve testo a sua scelta ed indossare un abbigliamento molto comodo con calzini antiscivolo o scarpette da ritmica (piedi nudi se il pavimento è di legno).

Se scegliamo, o ci viene assegnato, un testo, un monologo, e lo leggiamo magari per la prima volta, alcune domande potrebbero nascere spontanee :

  • Cosa nasconde tra le pieghe delle parole? 
  • Quale è il suo "sottotesto" ? 
  • Quale era l'idea dell'autore ? 
  • E' la stessa idea che ci arriva oggi, o per noi il senso sembra essere altro ?
  • Quali azioni fisiche sottende ? 
  • Come costruisco le mie azioni fisiche per quel monologo ?
  • Tutto questo, azioni fisiche e comprensione del testo, come lo traduco in interpretazione ? 

Il Monologo è una tra le interpretazioni più impegnative per un attore e Il seminario indirizza l'attore, o aspirante attore, a trovare delle risposte pratiche che l'aiutino nell'interpretazione.

 

Breve Presentazione del Seminario Teatrale

Affrontare la messinscena di un monologo è per un attore una delle sfide più difficili ed impegnative. Il rischio è da una parte una eventuale "piattezza", dall'altra che per "strafare" prevalga il "gigione" che purtroppo è sempre in agguato. Dovremo dunque trovare una via per "entrare" ed "appropriarci" del testo non tramite una comprensione intellettualistica, ma con una partecipazione emotiva allo stesso che ne scandagli il "sottotesto". Le parole di ogni copione sono in genere chiare, ma cosa sottendono ? Come il cuore che pulsa ci tiene in vita, cosa scandisce ogni passaggio del testo, quale vita vi si cela ?

Il Seminario teatrale Il MONOLOGO e l'AZIONE dell'attore fornirà le tecniche per rispondere a queste domande e condurrà l'attore, passo passo, fornendo gli strumenti per affrontare e costruire il proprio Monologo.

  

Programma di massima


Gli esercizi indicati sono solo degli esempi e l’elencazione non è conseguenziale, nella realtà tenteremo di “far accadere” più che indirizzare, nel senso che siamo pronti ad adattare il programma a quello che dovesse "accadere" durante il seminario. Dunque non un programma statico, ma dinamico:

  • Esercizi di stretching e rilassamento
  • Riscaldamento e improvvisazioni vocali
  • Danza del vento (Odin teatret)
  • Danza del cerchio - fuori/dentro, il corpo entra ed esce dal cerchio, la voce segue (all'inizio di ogni modulo di lavoro)
  • Su un un monologo "palestra" (fornito dal conduttore) scomposizione dello stesso in più frammenti unitari per senso
  • Realizzazzione di improvvisazioni/azioni fisiche su alcuni dei frammenti unitari
  • Ricomposizione dello stesso testo che avrà assunto sensi nuovi dapprima nascosti e/o sconosciuti
  • Comprensione non intelletttualistica ma fisica del senso nascosto dietro le parole chiave del testo (ogni parola meriterebbe un singolo approfondimento)
  • Ad ogni frammento unitario di testo attribuire un titolo e/o un verbo di volontà
  • Realizzazzione di improvvisazioni/azioni fisiche su alcuni dei titoli e/o verbi di volontà
  • Tutte le improvvisazioni/azioni fisiche realizzate contribuiranno a trovare alcune azioni fisiche guida del nostro monologo
  • Tra tutte le Azioni Fisiche da noi trovate quali sono quelle essenziali/necessarie ?
  • Costruzione finale di una sequenza di Azioni Fisiche
  • Inserimento del nostro Monologo (quello che ci interessa realmente e non quello palestra fin qui utilizzato) sulla sequenza di Azioni Fisiche
  • Costruzione finale del proprio Monologo 


Alla fine del seminario ogni partecipante avrà trovato il modo di entrare nel suo proprio Monologo e soprattutto ne avrà scoperto le mille possibili interpretazioni, una diversa dall'altra. Il nostro Monologo che, sulle prime, sembrava avere una sola unica possibile interpretazione, vivrà di una luce nuova con mille sfaccettature. In sintesi scopriremo che ad uno stesso monologo corrispondono più Azioni Fisiche e di conseguenza può essere recitato in svariati modi, tutti diversi, eppur tutti validi, all'attore la scelta.

La tecnica appresa ci darà le basi su cui indirizzarci per l'interpretazione di qualsiasi monologo

 

Se hai domande o qualcosa non ti è chiaro, CHIAMA o SCRIVI CONTATTI

Seminario Teatrale Residenziale a Roma: ISCRIZIONI - QUOTA DI PARTECIPAZIONE - SISTEMAZIONI (in preparazione)

Benvenuto

siamo felici che Tu sia interessato ad iscriverti ad uno dei nostri seminari teatrali residenziali a Roma

le ISCRIZIONI sono APERTE  

tramite il modulo che trovi qui

 

Inviare il modulo non è impegnativo, ma solo conoscitivo, ci permetterà un primo contatto e di iniziare a conoscerci, potrai sempre rinunciare

 

Per i seminari teatrali residenziali a Roma utilizzeremo una CASSA COMUNE, in cui tu stesso potrai controllare ogni spesa.


PER IL SEMINARIO DEL 28 LUGLIO - 3 AGOSTO 2019

La cassa comune prevista è di euro 295,00

che comprende:

  • Uso di una sala per le attività teatrali
  • Tessera sociale
  • 4 pranzi
  • Rimborso spese per il Teatro di Nessuno

la CASSA COMUNE di 295,00 euro NON COMPRENDE il costo dell'eventuale pernottamento 

Non appena riceveremo la Tua Scheda di iscrizione, Ti invieremo la richiesta di un anticipo sulla Cassa Comune di Euro 30,00 

Il resto della CASSA COMUNE lo verserai direttamente in contanti al seminario.


PER IL SEMINARIO DEL 1 - 3 Novembre 2019 

La cassa comune prevista è di euro 145,00

che comprende:

  • Uso di una sala per le attività teatrali
  • Tessera sociale
  • 1 pranzo
  • Rimborso spese per il Teatro di Nessuno

la CASSA COMUNE di 145,00 euro NON COMPRENDE il costo dell'eventuale pernottamento 

Non appena riceveremo la Tua Scheda di iscrizione, Ti invieremo la richiesta di un anticipo sulla Cassa Comune di Euro 30,00 

Il resto della CASSA COMUNE lo verserai direttamente in contanti al seminario.



Per l'eventuale PERNOTTAMENTO

abbiamo selezionato alcuni B&B nei pressi della sede del seminario. Se vuoi pernottare  indicalo nel modulo alla voce NOTE


Tutti i dati immessi nel modulo non saranno per nessun motivo comunicati a terzi.


Per i non Romani le sistemazioni per la notte sono in appartamenti facilmente raggiungibili dalla sede del seminario.

Seminario Teatrale Residenziale a Roma: STAGE - ABBIGLIAMENTO - GIORNATA TIPO

Seminario Teatrale Residenziale a Roma

LO STAGE

Il Teatro di Nessuno propone il Seminario workshop Teatrale residenziale a Roma, curato da esperti del settore didattico performativo, si articolerà in più giorni di attività intensive, lontano dalle fastidiose ingerenze della quotidianità che limitano la creatività.

Il  Seminario workshop Teatrale residenziale a Roma diverrà il luogo, il tuo luogo, in cui l’apparire, il sembrare e il mostrare della vita di ogni giorno non saranno sufficienti: un luogo in cui, in più, occorrerà essere.

Il training affrontato nella settimana del seminario teatrale residenziale a Roma, sarà incentrato sulle molteplici caratteristiche del testo scelto, attraverso una conoscenza pratica e non intellettualistica dello stesso.

Tramite improvvisazioni vocali e fisiche andremo nella direzione dei grandi maestri del novecento: dalle “azioni fisiche” di Stanislavskij al “mimo corporeo” di Decroux, per arrivare fino ai giorni nostri a maestri quali Jerzy GROTOWSKI ed Eugenio BARBA, consapevoli che: “Non è il teatro che è necessario, ma assolutamente qualcos'altro. Superare le frontiere tra me e te: arrivare ad incontrarti… rinunciare alla paura ed alla vergogna alle quali mi costringono i tuoi occhi appena gli sono accessibile "tutto intiero". Non nascondermi più, essere quello che sono. Almeno qualche minuto, dieci minuti, venti minuti, un'ora. Trovare un luogo dove tale essere in comune sia possibile..."(Grotowski) .

Dunque non un teatro in carta patinata che rifletta una omogenea e consolatoria luce per tutti identica, ma un'esperienza espressiva che sia invece uno sguardo vigile sui passi perduti di una istintiva, mitica, forma di ricerca in cui chi agisce sulla scena parla direttamente al suo cuore che dialoga con quello dello spettatore, come avveniva nel segreto degli antichi Misteri.

ABBIGLIAMENTO

Si dovrà lavorare con abbigliamento comodo adatto anche al lavoro fisico: senza scarpe, con calzini o scarpette da ritmica

GIORNATA TIPO

  • mattino: Training fisico e riscaldamento, lavoro sul corpo attraverso la scoperta delle “azioni fisiche”;
  • pomeriggio: Improvvisazioni sul testo e costruzione delle scene;
  • Fine  incontro intorno alle 16
  • Tutti in libertà con Roma a Tua disposizione: mostre, musei, archeologia, divertimenti