Ludwig TIECK

Ludwig TIECK

Ludwig Tieck

Ludwig Tieck

(Berlino 31 maggio 1773 – 28 aprile 1853)

TIECK è autore di una parodia della fiaba Il Gatto con gli Stivali.

Esponente dell’idealità del Romanticismo, precorse le tonalità borghesi del Biedermeier.

Scrisse anche con gli pseudonimi Peter Lebrecht (o Leberecht) e Gottlieb Färber.


Ludwig TIECK: breve biografia

Ludwig Tieck

Briefmarke mit dem porträtierten Ludwig Tieck der Deutsche Bundespost Berlin von 1973

Ludwig Tieck nato a Berlino nel 1773,

frequentò a Jena i fratelli Schlegel, Schelling, Fichte, Novalis. Fu in Italia (1805-69 e a Londra (1817) dove studiò l’opera di Shakespeare. Si stabilì poi a Dresda (1819), e si mise a tradurre insieme a A. Schlegel le opere di Shakespeare. Dal 1825 fu consigliere per il teatro di corte, procedendo a un rinnovo intelligente del repertorio. Dal 1841 fu consigliere alla corte di Berlino, e qui morì nel 1853.

Tra le prime opere di Tieck sono alcuni racconti. Romanzo epistolare è la Storia del signor William Lovell (Geschichte des Herrn William Lovell, 1796). Incompiute le Peregrinazioni di Franz Sternbald (Franz Sternbalds Wanderungen, 1798). E una serie di drammi che esaltano il mondo feudale medievale: Vita e morte di santa Genoveva (Leben und Tod der heiligen Genoveva, 1799), e L’imperatore Octavianus (Kaiser Octavianus, 1804).

Tieck possedeva una fantasia esuberante, che trovò il mezzo più congeniale di espressione nei racconti, spesso di materia fiabesca: Il biondo Eckbert (Der blonde Eckbert, 1796), Il fedele Eckart (Vom getreuen Eckart, 1799). e nelle fiabe drammatiche: Il gatto con gli stivali (Der gestiefelte Kater, 1797) tratto dalla fiaba di Perrault , e il Principe Zerbino (Prinz Zerbino, 1799).
Tra le numerose opere della maturità le cose migliori sono quelle vicine allo spirito del biedermeier: i racconti Il fidanzamento (Die Verlobung, 1823), L’erudito (Der Gelehrte, 1827), la delicata storia d’amore Il superfluo della vita (Des Lebens überfluss, 1839). E il romanzo di ambiente rinascimentale Vittoria Accorombona (1840).

Tieck fu un maestro nel rendere le atmosfere soprannaturali, nell’analizzare stati d’animo fluidi e inquieti. Sfondo delle sue invenzioni è un medioevo idealizzato. Ha uno stile ricco di calore e di suggestioni musicali, che coprono a volte una certa evanescenza di contenuti.
Tipico esponente, in gioventù, dell’idealità del Romanticismo, nelle opere della maturità precorse le pacate tonalità borghesi del biedermeier.

(Da http://www.girodivite.it/antenati/xixsec/_tieck.htm   che ringraziamo per il permesso alla pubblicazione)

Potrebbero interessarti anche...


Il Giardino dei Ciliegi cechovSeminario Teatrale Residenziale Estivo

nel Chianti in Toscana

Nel 2024 3 gruppi: 27 luglio - 3 agosto // 10 - 17 agosto // 17 - 24 agosto – ISCRIZION

Una settimana di teatro full immersion condotta da  Sandro Conte 

si lavorerà su Il Giardino dei Ciliegi (1904) di A. Cechov, su cui realizzeremo una breve performance finale

Tecniche da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba.

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi