KANTOR Tadeusz, la Classe Morta, Cricot 2

Tadeusz KANTOR, la Classe Morta, Cricot 2

Tadeusz KANTOR

Tadeusz KANTOR

(Wielopole, Skrzyńskie, 6 aprile 1915 – Cracovia, 8 dicembre 1990)

Kantor fonda il Cricot 2

e rappresenta molti testi del Romanticismo polacco di Stanislaw Witkiewicz.

Kantor: La Classe Morta

IN QUESTA PAGINA: Due Note Biografiche  – “Io costruisco la commozione”,- La Classe Morta


KANTOR: NOTE BIOGRAFICHE

Tadeusz KANTOR

Tadeusz KANTOR

Kantor nasce il 6 aprile 1915 a Wielopole (Cracovia),

da madre cattolica e padre ebreo che dopo la Grande Guerra, per un’altra donna, non farà ritorno a casa. Kantor viene cresciuto dalla madre e dallo zio prete.
Nel 1934 si iscrive alla Accademia di Belle Arti di Cracovia, dove assimila la lezione teatrale di Gordon Craig, teorico della supermarionetta teatrale, e le teorie artistiche di matrice simbolista e del Bauhaus.
Durante la seconda guerra mondiale fabbrica bambole ed è pittore-decoratore, quindi fonda il Teatro Indipendente, una compagnia teatrale clandestina che raccoglie attori e artisti. Gli spettacoli della compagnia sono rappresentati fra le macerie della guerra e in condizioni di estrema pericolosità. L’esperienza di un teatro allestito fra il dolore e la morte e la caduta di ogni rassicurante certezza del passato marca profondamente lo sviluppo artistico di Kantor.

Dieci anni dopo la fine della guerra, Kantor fonda la compagnia Cricot 2 (anagramma dell’espressione polacca ecco il circo). Fino alla metà degli anni settanta, la compagnia (composta da artisti ma non attori professionisti) rappresenta solo sei spettacoli, di cui cinque su testi di Stanislaw Witkiewicz. La prassi kantoriana, in questo periodo, è la sperimentazione di diversi linguaggi sui testi di un unico autore.
Durante questi anni Kantor acquista notorietà internazionale soprattutto come artista figurativo e sperimenta sia la tecnica dell’emballage sia la strada dell’happening.
Kantor e il Cricot 2 acquistano fama mondiale fra il 1975 e il 1980 con l’opera teatrale La Classe Morta. In essa non si sviluppa una storia e i personaggi vi appaiono piuttosto come in una struggente evocazione. L’autore stesso la definisce una seduta drammatica, che passa attraverso una comicità livida e familiare allo stesso tempo, straziata dal nichilismo.

Tadeusz KANTORNella successiva pièce del 1980, Wielopole Wielopole, sono al centro dello spettacolo i meccanismi della memoria, popolati da incubi che permangono ossessivamente; nello spettacolo del 1985, Crepino gli artisti, viene sondato il rapporto fra memoria, oblio e identità: nella rappresentazione, Kantor incontra l’immagine di se stesso a sei anni, da adulto e da vecchio morente. In Qui non ci torno più, del 1988, mette in scena se stesso e incontra i personaggi cui ha dato vita con la sua opera. L’ultimo spettacolo è Oggi è il mio compleanno: Kantor muore all’alba del giorno della prova generale.
In Kantor il teatro è luogo di confine fra la realtà storica e quella psichica: “lo spazio della vita dimora accanto a quello dell’arte, insieme e a vicenda confondendosi e compenetrandosi, condividendo un destino comune”. Per Kantor non ha più senso allora innalzare la quarta parete, perché la necessità dell’opera teatrale è dentro se stessa: lo spettacolo avviene non per qualcuno ma in presenza di qualcuno. Gli attori non devono più fingere il personaggio né rappresentare un testo, ma devono essere loro stessi. Ora il dramma – la vita – coincide con la creazione dello spettacolo-opera d’arte.

Nel suo libro Maurizio Buscarino racconta che Kantor “… con un gesto della mano…, come nella crudeltà del circo, al margine della scena faceva scoccare nel cerchio di luce l’intuizione dell’incontro tra la vita e la morte. Stava a guardia contro l’illusione e la finzione, il magma dei valori, fronteggiando i segni e i simboli epici e tragici del secolo, quel ‘900 che aveva attraversato e da cui era circondato. Il gesto della sua mano annunciava il rischio quotidiano dell’entrata in scena e l’angoscia che prende quando davvero ci rendiamo conto di essere vivi: vivi, nella luce del patetico percorso tra il nero da cui sbuchiamo e il nero verso cui andiamo. Ci trascinava nella consapevolezza della realtà del rango più basso…”.

Kantor non ha lasciato eredi né una scuola, e la sua scomparsa ha generato un grande senso di vuoto in chi lo ha conosciuto. La sua concezione della vita e dell’arte tentano però di rivivere nella sperimentazione e nell’immaginario teatrale contemporaneo.



Tadeusz KANTOR

Tadeusz KANTOR Disegno per LA CLASSE MORTA

Tadeusz KANTOR, la Classe Morta, Cricot 2

“Sono nato il 6 aprile 1915 in Polonia, in un paesino con una piazza del mercato e qualche vicoletto squallido. Sulla piazza del mercato si innalzavno una piccola cappella con la statua d’un santo, secondo l’uso cattolico, e un pozzo attorno al quale si celebravano al chiaro di luna, le nozze ebraiche…”

Diplomato nel 1939 presso l’accademia di belle Arti di Cracovia, Kantor era un buon pittore influenzato dalle esperienze simboliste e dal costruttivismo polacco ed europeo, Andrezej Pronaszko, uno dei maggiori esponenti del costruttivismo europeo, fu suo insegnate a Cracovia.  Questa passione per la pittura ha contribuito a fare di Kantor un uomo di Teatro molto speciale, che non si lasciava influenzare da nessuna dottrina costituita, come egli stesso dichiarava, senza legami con il passato, mai cercati e spesso rifiutati, animato solo dall’impegno verso la sua epoca ed i suoi attori. La  sua poetica venne influenzata indelebilmente dall’esperienza della Seconda Guerra Mondiale. durante questo periodo Kantor si prodigava come fervente attivista del Teatro Clandestino di Cracovia. Ma solo nel 1955, diede vita a quella che è ricordata come una delle più grandi esperienze del Teatro europeo del nostro secolo il Cricot 2.

Kantor rappresentava perfettamente la cultura nella quale era nato e vissuto. Cultura dalla quale era fortemente influenzato. Il mondo rurale e tradizionalista della Polonia alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. Un universo popolato da un brulicare di immagini ricorrenti e cerimonie religiose che hanno fatto accrescere nel giovanissimo Tadeusz  un forte interesse per tutto ciò che era ritualità. Il suo stesso paese Wielopole rappresentava una terra di confine, invaso dalla cultura cattolico-slava e da quella ebraico-yiddish, come del resto buona parte della Polonia è ancora tutt’oggi. Un miscuglio di cerimonie, liurgie, processioni, matrimoni celebrati ognuno secondo la propria tradizione, un mondo, insomma popolato di “spettacoli” da ammirare, da spiare e tenere stretti nel cuore.

Tadeusz KANTOR

Wielopole Wielopole

Gli spettacoli di Kantor sono tutti contraddistinti da una forte componete autobiografica, egocentrici
“ Il Teatro Cricot 2 non è un insieme di esperienze pittoriche trasferite sulla scena. E’ il tentativo di cercare una sfera di comportamento artistico libero e gratuito. Tutte le linee di demarcazione convenzionali sono soppresse “
Un gruppo di artisti eterogenei, attori professionisti e dilettanti, pittori, poeti, teorici dell’arte, questa era l’anima del Teatro Cricot 2, una eccezionale fusione tra la pittura ed il Teatro. La Galleria Krzystofory a Varsavia, costituiva lo spazio fisico dove questo importante ensemble muove i primi passi. Il primo lavoro, La piovra di I. Witkiewicz, viene allestito proprio nella suddetta Galleria.  la scelta di Witkiewicz non è casuale, questi è infatti uno degli autori più autorevoli e rappresentati del Teatro polacco, di ispirazione naturalista. Lo stesso J. Grotowski, conterraneo di Kantor, portò in scena dei lavori di Witkiewicz.

Waclaw Janicki attore del Cricot 2 fin dagli inizi, racconta che Kantor, dopo attente valutazioni scelse di organizzare i suoi attori in tre categorie differenti : attori professionisti, pittori o letterati ed infine persone trovate. Questo permetteva a Kantor – aggiunge Janicki – di portare in scena la realtà. D’altronde la figura dell’attore nel Teatro kantoriano assume dei connotati ben precisi. L’uso ricorrente dei manichini, a simboleggiare un rapporto tra presente e passato con il corpo dell’attore. Attori che spesso popolano la scena con presenze che non hanno nulla di vivo, reale, ma richiamano alla mente morti vaganti, fantasmi. Una recitazione che come è stato detto e ribadito tende ad azzerare tutte le convenzioni rappresentative. Tutte questo spiega il pensiero di Kantor sul Teatro, una sintesi, cioè, tra l’immagine bidimensionaledella tela e la completezza dello spazio scenico, riempito dalla materia. Un percorso tra pittura e Teatro che si tiene perfettamente in bilico. Non a caso l’esperienza di Kantor nasce con la pratica degli happening. Scene quindi, immagini, simboli, atmosfere che creano emozioni, che si tuffano nel passato a recuperare nel fondo degli abissi della memoria splendide perle, che un giorno godevano di un eccezionale bellezza. Questo è il motivo per cui alla sua morte il Teatro di Kantor non ha avuto proseliti. Nessuno, neanche tra i componenti del Cricot 2, intesero continuare l’opera del Maestro. Kantor attraverso gli anni si era nutrito alla fonte dei movimenti avanguardistici del XX secolo, da ognuno di esso aveva carpito un concetto, un sentimento. Dalla metabolizzazione di tutto questo che nasceva la scena di Kantor. Una somma di esperienze filtrate della propria esperienza personale. Come i grandi artisti delle Avanguardie d’inizio XX secolo, Kantor considerava l’arte un atteggiamento, uno stile di vita, qualcosa che non poteva e non doveva prescindere dal proprio IO. Questa immane fusione tra esperienze dell’Arte dell’ultimo secolo ed il proprio vissuto, ha generato un Teatro irripetibile. Ogni oggetto, ogni movimento, ogni traiettoria di un attore in scena per Kantor avevano un significato preciso, denso, che non poteva prescindere dalla sua essenza. Non a caso nei suoi spettacoli era consuetudine che lui, il regista stesso, presenziasse la scena, in angolo seduto, con gesti minimi e decisi impartiva gli ordini a quegli splendidi ingranaggi, che reano gli attori del Cricot 2.

Ogni oggetto, si è accennato al riempimento scenico della materia. nelle rappresentazioni di Kantor tutto era materia, a partire dal corpo degli attori, materia vivente, umana e quindi come tale destinata a decomporsi, sotto il peso del passato, degli errori del passato. La scena di kantoriana era popolata da legni, ferri vecchi arruginiti, oggetti strappati all’immondizia, alla morte, sospesi tra passato ed infinito. Oggetti che Kantor amava definire “poveri”, oggetti senza dignità di uso quotidiano, che appunto perché tali riportano alla luce, gesti , suoni, odori, familiarità, emozioni.

Un Teatro quindi forse privo di alcune componenti istituzionali una forma di espressione unica, perché dipendente, figlia del suo creatore, ma per questo vera. Come vero dovrebbe essere il Teatro e c’è differenza, e chi legge questo lo capisce bene tra il vero ed il reale.



Tadeusz KANTOR

La Classe Morta

KANTOR: GLI SPETTACOLI (con il Cricot 2 )

Nella metà degli anni settanta abbandona il Teatro d’autore e avvia la stagione degli spettacoli scritti e diretti da lui stesso. Nel 1975 si apre questa fantastica stagione con il noto spettacolo La classe morta, successivamente nel 1980 Wielopole- Wielopole. Nel 1985 invece è la volta di Crepino gli artisti. Infine il suo ultimo spettacolo del 1988 Qui non ci torno più. Nel 1990 ci sarà anche il postumo Aujord’hui c’est mon anniversaire.

povvi motivi non ci dilungheremo a trattare di tutti gli spettacoli, ma seppur un accenno al La classe Morta, è doveroso.

Kantor – la classe morta

Una scena scarsamente illuminata e circoscritta da una corda, vecchi banchi di scuola, tarlati ed impolverati, pile di vecchi libri ingialliti e secchi, una latrina. Questa è una sommaria descrizione, che non rende merito, a ciò che si prentava agli occhi dello spettatore de La classe morta. Seduti ai banchi come i bravi scolaretti che furono, vecchi e vecchie decrepiti, vestiti in nero con i vestiti lisi e consunti, i volti coperti da una sottile membrana grigia. In buon ordine uno alla volta chiedono con grande solennità di poter uscire, la scena si svuota. Ma subito dopo riappaiono i vecchi di prima, trascinano sulle spalle manichini dai volti di cera, simbolo dei bambini che furono, simboli del passato che torna, come un fardello che pesa, che piega il corpo. Un passato dal quale non si può prescindere. I vecchi scolari passano il loro tempo tra stupidi scherzi infantili, urlano, litigano, usano la latrina. Un’altra serie di personaggi abita la Classe morta. Un bidello che intona i canti di una giovinezza svanita, affogata tra i sogni. Un soldato della Seconda Guerra mondiale, con una lunga baionetta, simbolo che probabilmente unisce le due grandi guerre di questo secolo. Una donne delle pulizie (interpretata da un uomo) che brandisce come una falce la propria scopa. Quest ammasso di corpi che si deteriorana o che sono destinati a scomparire galleggia al ritmo di un trascinante valzer polacco, che s’interrompe a tratti facendo precipitare la scena in una grottesca atmosfera. A presiedere a questo universo, fuori dal tempo, ma che in certo modo è il tempo, c’è lui, l’autore, il demiurgo, Tadeusz Kantor. Seduto con lo sguardo attento guarda la scena, la dirige, l’accompagna nella sua vita.

Tadeusz KANTORLontanamente ispirato a Tumore cervicale di Witkiewicz, La classe morta è un lavoro costruito con la tecnica del Collage, prendendo pezzi dalla tradizione ebraica, dalla Bibbia, dalla Mitologia occidentale. La classe morta rappresenta per Kantor la sintesi di tutte le sue teorie  le sue esperienze sulla pratica teatrale, con questa messinscena Kantor raggiunge la notorietà internazionale.

“ Si vedono entrare delle creauture umane – degli individui allo stato senile – che fanno corpo con dei cadaveri di bambini. Questi fanno pensare a delle escrezioni parassitarie e ipertrofiche che sembrano in simbiosi con questi vecchi allo stato larvale, dei depositi di ricordi del periodo dell’infanzia, ormai dimenticato e respinto dall’insensibilità e dal pragmatismo che ci rendono incapaci di cogliere in noi l’immaginazione del passato “

Tadeusz Kantor

Da web.tiscali.it/no-redirect-tiscali/aghiasophia/ Cronache/Kantor/kantor.htm

Potrebbero interessarti anche...


Il Giardino dei Ciliegi cechovSeminario Teatrale Residenziale Estivo

nel Chianti in Toscana

Nel 2024 3 gruppi: 27 luglio - 3 agosto // 10 - 17 agosto // 17 - 24 agosto – ISCRIZION

Una settimana di teatro full immersion condotta da  Sandro Conte 

si lavorerà su Il Giardino dei Ciliegi (1904) di A. Cechov, su cui realizzeremo una breve performance finale

Tecniche da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba.

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi