COLOMBINA: maschere commedia dell’arte

Colombina, maschera commedia dell’arte

Colombina, maschera commedia dell'arteColombina è di sicuro la più famosa fra le servette e forse anche una delle maschere più antiche.

Già dal 1530 abbiamo notizia di un personaggio con questo nome nella Compagnia degli Intronati, una delle più importanti fra quelle dei Comici dell’Arte.

Solitamente Colombina viene caratterizzata come una giovane arguta, dalla parola facile e maliziosa. Spesso non ricopre un ruolo di protagonista nella commedia, ma, abile a risolvere con destrezza le situazioni più intricate, ha una parte importante nell’economia dello spettacolo.

Colombina veste un semplice abito cittadino di colore chiaro, con un grembiule colorato e una cuffietta portata di traverso sul capo.

Fra le attrici che la impersonarono si ricordano Isabella Biancolelli Franchini e Caterina Biancolelli, entrambe vissute nel 1600 e, ai giorni nostri Narcisa Bonardi, interprete di molte colombine strehleriane.



Columbine is certainly the most famous of the Commedia servants and probably one of the oldest Colombina. maschera commedia artemasks. As early as 1530 the name figures in the Company of the Intronati, one of the most important Commedia troupes. Columbine is usually depicted as a wily, bitchy, spiteful woman. While hers is not usually a major role in the play, she is extremely capable of solving intricate situations and is important in carrying the story along. She usually wears a simple, light coloured dress with a bright apron and a bonnet slightly askew. The actresses who have played the role include: Isabella Biancolelli Franchini and Caterina Biancolelli, who lived in the 17th century, and in more recent times, Narcisa Bonardi who played Columbine in many of Giorgio Strehler’s Colombina. maschera commedia arteproductions.

 

Potrebbero interessarti anche...

Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

Roma 18 - 19 maggio 2024, 10 ore di lavoro – ISCRIZIONI


Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba - seminario diretto da Sandro Conte

 

“Bisogna ammettere nell’attore l’esistenza di una sorta di muscolatura affettiva corrispondente alla localizzazione fisica dei sentimenti” (A. Artaud; Il teatro e il suo doppio, pag 242).

 

Dal momento che il gesto psicologico è composto dalla volontà, permeata di qualità, può facilmente comprendere ed esprimere la completa psicologia del personaggio.

 

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi