Sandro Conte: Storie Crudeli, copione teatrale

Sandro Conte: Storie Crudeli, copione teatrale

Sandro Conte Storie Crudeli

copione originale del 2006



I protagonisti, impresario e segretaria, contorniati da un nugolo di sedicenti autori, si trovano, di volta in volta catapultati nel copione che viene loro presentato.

Azione drammatica, ma non troppo, ad uso di chi crede che il “passaggio” da una vita all’altra equivalga al “saltare” da una storia all’altra.


IN QUESTA PAGINA: Scheda tecnica  //  Sinossi


Richiedi i nostri Copioni Teatrali



Sandro Conte: Storie Crudeli – Scheda tecnica

  • Titolo    Storie Crudeli
  • Autore    Sandro Conte
  • Genere    Commedia brillante
  • Atti    1
  • Durata stimata    60′
  • Personaggi    8 ( 4 Donne, 4 Uomini) – Minimo personaggi maschili    2 – Minimo personaggi femminili    2
  • Ambientazione    Qualsiasi epoca

  • Copione depositato alla S.I.A.E. il 28 agosto 2006

L’attrice e l’attore della scena guida, possono interpretare anche i ruoli di alcune scene successive che si innestano sulla scena principale.

PERSONAGGI In questo copione, in considerazione del carattere paradossale della vicenda, sia il numero dei personaggi che la distinzione in ruoli femminili o maschili è veramente soggettiva, e dunque è impossibile indicarne a priori, come tradizionalmente è consuetudine, il numero e/o il sesso. Ci sono alcune scene che possono essere realizzate con pochi personaggi ma anche con molti di più. Allo stesso modo alcuni personaggi possono essere intesi sia al maschile che al femminile. In questo genere di copioni dunque il numero ed il sesso dei personaggi sarà esclusivamente funzione delle scelte di regia.



Sandro Conte: Storie Crudeli – Sinossi

SINOSSI Storie Crudeli è un copione contenitore che si può espandere o ridurre in funzione delle necessità. C’è una storia guida su cui si innestano altre storie che possono essere facilmente ampliate o aumentate di numero o anche ridotte di numero (Nell’originale sulla storia guida si inseriscono altre due storie).

Trama – Il Dott. Smarriti, direttore dell’ufficio copioni, Ufficio Copioni Smarriti, non legge mai i testi che gli autori gli propongono. La sua seduttiva segretaria ha convocato un energumeno analfabeta cui sottoporre i manoscritti, certa che sarà lui, con la sua schietta ignoranza e l’ingenuità del “puer”, a valutarli al meglio. Gli autori rumoreggiano fuori della porta e, non senza timori per quanto potrà accadere, vengono fatti entrare. Presto gli autori si impossessano dell’ufficio, legano segretaria ed Impresario Smarriti costringendoli ad ascoltare i loro copioni. Ora accade un fatto singolare, durante il racconto di una decapitazione avvenuta in epoca rivoluzionaria, Impresario e Segretaria si trovano catapultati in quella scena come se fossero essi stessi a viverla con tutti i pericoli che la situazione comporta. Quando tutto sembra volgere al peggio, riescono a “rientrare” nella situazione attuale, ma un’altro autore sta per raccontare la sua storia ed eccoli di nuovo, come per incanto, come in una frenetica reincarnazione, sbattuti tra dei barboni e allora…Da una “reincarnazione” all’altra, Impresario e Segretaria, passano da una storia all’altra scampando inenarrabili pericoli.

Potrebbero interessarti anche...

Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

Roma 18 - 19 maggio 2024, 10 ore di lavoro – ISCRIZIONI


Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba - seminario diretto da Sandro Conte

 

“Bisogna ammettere nell’attore l’esistenza di una sorta di muscolatura affettiva corrispondente alla localizzazione fisica dei sentimenti” (A. Artaud; Il teatro e il suo doppio, pag 242).

 

Dal momento che il gesto psicologico è composto dalla volontà, permeata di qualità, può facilmente comprendere ed esprimere la completa psicologia del personaggio.

 

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi