Ruzante scrittore

RUZANTE (Angelo Beolco)Ruzante (Angelo Beolco)

(1502 – 1542)

Drammaturgo, attore e scrittore italiano vissuto nella Repubblica di Venezia.


Nota biografica e i copioni Bilora; La Moschetta; Il Reduce

Ruzante


Ruzante, la maschera

Ruzante, href=”/maschere-commedia-arte/ruzante”>Ruzante, la maschera

RUZANTE, Angelo Beolco, nato nel 1502

fu il figlio naturale di un medico padovano.

Con i figli legittimi del padre mantenne sempre ottimi rapporti, anche dopo la morte del primo, e si dedicò quasi tutta la vita all’amministrazione delle proprietà familiari e dei beni agrari dell’amico di sempre, il nobile Alvise Cornaro.

La sua unica grande passione, però, la ebbe nel teatro: iniziò ad interessarsene nel 1521, in occasione dei festeggiamenti per Federico Gonzaga, e fu sia autore sia attore. Da uno dei suoi più riusciti personaggi, il contadino Ruzzante, prese lo pseudonimo col quale divenne famoso.

All’immagine di Beolco quale buffone povero, dissoluto e privo di reale cultura viene oggi sostituita la visione di un autore perfettamente consapevole della sua antiletterarietà e del suo realismo; il Ruzzante (o Ruzante) si ritrovò su di una via intermedia tra la cultura cittadina e quella di campagna e fu sempre segnato dalla contraddizione tra i bisogni del suo pubblico e i vivaci impulsi dell’ambiente contadino, tra la sua esistenza “borghese” e quella popolana, da cui traeva linfa per i suoi scritti.

Morì nel 1542.

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli.

Ringraziamo il sito www.liberliber.it/ per il permesso alla pubblicazione dei testi e della nota biografica

Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

Roma 18 - 19 maggio 2024, 10 ore di lavoro – ISCRIZIONI


Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba - seminario diretto da Sandro Conte

 

“Bisogna ammettere nell’attore l’esistenza di una sorta di muscolatura affettiva corrispondente alla localizzazione fisica dei sentimenti” (A. Artaud; Il teatro e il suo doppio, pag 242).

 

Dal momento che il gesto psicologico è composto dalla volontà, permeata di qualità, può facilmente comprendere ed esprimere la completa psicologia del personaggio.

 

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi