Ruzante scrittore

RUZANTE scrittore (Angelo Beolco)Ruzante scrittore

(1502 – 1542)

Drammaturgo, attore e scrittore italiano vissuto nella Repubblica di Venezia.


Nota biografica e i copioni Bilora; La Moschetta; Il Reduce

Ruzante

 

 


Ruzante scrittore

 

Ruzante, href=”/maschere-commedia-arte/ruzante”>Ruzante, la maschera

RUZANTE scrittore, Angelo Beolco, nato nel 1502

fu il figlio naturale di un medico padovano.

Con i figli legittimi del padre mantenne sempre ottimi rapporti, anche dopo la morte del primo, e si dedicò quasi tutta la vita all’amministrazione delle proprietà familiari e dei beni agrari dell’amico di sempre, il nobile Alvise Cornaro.

La sua unica grande passione, però, la ebbe nel teatro: iniziò ad interessarsene nel 1521, in occasione dei festeggiamenti per Federico Gonzaga, e fu sia autore sia attore. Da uno dei suoi più riusciti personaggi, il contadino Ruzzante, prese lo pseudonimo col quale divenne famoso.

All’immagine di Beolco quale buffone povero, dissoluto e privo di reale cultura viene oggi sostituita la visione di un autore perfettamente consapevole della sua antiletterarietà e del suo realismo; il Ruzzante (o Ruzante) si ritrovò su di una via intermedia tra la cultura cittadina e quella di campagna e fu sempre segnato dalla contraddizione tra i bisogni del suo pubblico e i vivaci impulsi dell’ambiente contadino, tra la sua esistenza “borghese” e quella popolana, da cui traeva linfa per i suoi scritti.

Morì nel 1542.

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli.

Ringraziamo il sito www.liberliber.it/ per il permesso alla pubblicazione dei testi e della nota biografica


Il Giardino dei Ciliegi cechovSeminario Teatrale Residenziale Estivo

nel Chianti in Toscana

Nel 2024 3 gruppi: 27 luglio - 3 agosto // 10 - 17 agosto // 17 - 24 agosto – ISCRIZION

Una settimana di teatro full immersion condotta da  Sandro Conte 

si lavorerà su Il Giardino dei Ciliegi (1904) di A. Cechov, su cui realizzeremo una breve performance finale

Tecniche da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba.

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi