Sandro CONTE: La Domanda di uno Sconosciuto, copione teatrale

Sandro Conte: La Domanda di uno Sconosciuto, copione teatrale

Sandro Conte la domanda di uno sconosciuto

copione originale del 2007



In un salotto del dopo-teatro, un Uomo Sconosciuto pone un quesito bizzarro e inusuale
Breve commedia filosofica per chi ama stare con i “piedi per terra”


Sandro Conte: La Domanda di uno Sconosciuto – Scheda tecnica

  • Titolo    La domanda di uno sconosciuto (Storia di due storie)
  • Autore    Sandro Conte
  • Genere    Commedia filosofica
  • Atti    1
  • Durata stimata    30′
  • Personaggi    3
  • SIAE 2 Gennaio 2007

In considerazione del carattere paradossale della vicenda, la distinzione in ruoli femminili o maschili è veramente soggettiva, e dunque è impossibile indicarla a priori. Alcuni personaggi possono essere intesi sia al maschile che al femminile, esclusivamente in funzione delle scelte di regia. Nella versione qui disponibile per la lettura il copione è redatto per due uomini e una donna, ma potrebbe essere anche l’opposto.

  • Ambientazione    Qualsiasi epoca

 


Sandro Conte: La Domanda di uno Sconosciuto: SINOSSI di questa storia strampalata

In un salotto del dopo-teatro, un Uomo Sconosciuto pone un quesito bizzarro e inusuale.

Un Autore che, presente in quel salotto, inverosimilmente e senza un perché accetta un incarico dall’Uomo Sconosciuto: raccontare in prima persona una vicenda accaduta all’Uomo, come se fosse in realtà accaduta a lui.

Due Storie, due Favole che, ancor più inverosimilmente, si incarnano per raccontare se stesse.



Richiedi i nostri Copioni Teatrali

Potrebbero interessarti anche...

Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

Roma 18 - 19 maggio 2024, 10 ore di lavoro – ISCRIZIONI


Seminario Teatrale Il Gesto PSICOLOGICO

da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba - seminario diretto da Sandro Conte

 

“Bisogna ammettere nell’attore l’esistenza di una sorta di muscolatura affettiva corrispondente alla localizzazione fisica dei sentimenti” (A. Artaud; Il teatro e il suo doppio, pag 242).

 

Dal momento che il gesto psicologico è composto dalla volontà, permeata di qualità, può facilmente comprendere ed esprimere la completa psicologia del personaggio.

 

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi