Teatro di Nessuno, laboratorio e seminari di teatro a RomaIl Quaderno di Nessuno: Recensioni teatrali


Archivio: leggi tutte le recensioni

Gospodin, recensione di Paola Cecchini


Gospodin, recensione di Paola Cecchini

 

autore Recensione: Paola Cecchini

Titolo Spettacolo: GOSPODIN

Breve sinossi: Protagonista dello spettacolo è Gospodin, anti-eroe trag-icomico (interpretato da Claudio Santamaria). È oltremodo  testardo e vive con il suo poetico e tragico rifiuto del denaro, l’unico elemento che fa girare il mondo . Si ribella al capitalismo (che vuol "prendere per le palle") trovando paradossalmente in prigione la sua libertà.

 

Autore del testo: Philipp Löhle

Città in cui è rappresentato: Pesaro

Genere: Dramma

Atti: 1

In scena dal...al (date): 21-23 novembre 2014

Elenco principali attori: Claudio Santamaria, Valentina Picello  e Marcello Prayer

Regia: Giorgo Barberio Corsetti


Gospodin, recensione di Paola Cecchini      
     
 

 


Recensione
 
                                                GOSPODIN

         L'UOMO CHE TROVA LA LIBERTA' IN PRIGIONE

 

Non trasgredire mai ai propri dogmi, scritti sul muro di casa  con il latte,  elemento che diventa emblema del capitalismo: “Una partenza è da escludere; i soldi non devono essere necessari;  ogni proprietà è da rifiutare;  libertà è non dover prendere decisioni”

E' questo in cui crede il giovane Gospodin, surreale e grottesco,  comico e  tragico allo stesso tempo: sceglie di vivere con un lama per riconquistare l'immediatezza naturale e l'animale gli è sequestrato proprio da quelli (Greenpeace) che di tale principio  hanno fatto una missione. Per i più disparati motivi, perde (ad opera  degli amici più cari ed infine della fidanzata) tutti i comfort presenti in casa (frigorifero, televisore, stereo, forno a microonde e perfino il letto); rifiuta  ogni chance lavorativa (“ci sono 5 milioni di disoccupati e offrono continuamente posti di lavoro all’unica persona che non cerca occupazione”) cercando “di prendere il capitalismo per le palle”, adottare cioé “un  modo di vita anticapitalistico in un mondo capitalista”. Non sarà facile.

Sto parlando di Gospodin (in lingua slava sinonimo di “signore”),  atto unico  di Giorgio Barberio Corsetti e terzo appuntamenti della stagione di prosa promossa dal Comune di Pesaro e l’AMAT e realizzata con il contributo della Regione Marche e del Ministero per i Beni e le Attività culturali e del Turismo.

Dopo il debutto avvenuto al teatro Eliseo di Roma il 12 novembre scorso,  lo spettacolo che vede come protagonista  Claudio Santamaria, affiancato da Valentina Picello  e Marcello Prayer (interpreti e voci narranti della storia), é andato in scena al teatro Rossini di Pesaro dal 21 al 23 novembre.

Per quanto attiene alle Marche, sarà replicato al “Lauro Rossi” di Macerata (18/19 dicembre) e al “Ventidio Basso” di Ascoli Piceno (20/21 dicembre), mentre a livello nazionale sarà in tournée a Torino (24/30 novembre), Cuneo (2 dicembre), Casal Monferrato (3/4 dicembre),  Genova (5/7 dicembre),Asti (20 gennaio), Milano (21/25 gennaio), Padova (5 febbraio), Verona (6 febbraio) e Vicenza (7 febbraio).

Prodotto da Fattore K./L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione, in collaborazione con Romaeuropa Festival, é tratto da  Gennant Gospodin del  giovane drammaturgo tedesco Philipp Löhle e si avvale della traduzione di  Alessandra Griffoni a cura del Goethe Institute.

La regia é affidata a  Giorgio Barberio Corsetti che vanta un'ampia esperienza professionale (cabaret, lirica, classici) nonché la capacità di far interagire con suggestione, delicatezza ed ironia, diversi linguaggi del corpo e della tecnologia (in questo caso graphic animation, video mapping e chroma key).

Barberio Corsetti cura anche la scenografia (unitamente a Massimo Troncanetti), mentre le musiche sono affidate a  Gianfranco Tedeschi e Stefano Cogolo, i costumi a Francesco Esposito, le luci a Gianluca Cappelletti. I Graphics  portano la firma di Lorenzo Bruno ed Alessandra Solimene, i video quelli di Igor Renzetti.

“Protagonista dello spettacolo è un anti-eroe tragicomico (interpretato da Santamaria), che si ribella al capitalismo e cerca di vivere senza soldi trovando paradossalmente in prigione la sua libertà. È oltremodo  testardo e vive con il suo poetico e tragico rifiuto del denaro, l’unico elemento che fa girare il mondo - spiega Barberio Corsetti al pubblico presente a Oltrelascena, lo spazio organizzato  presso la sala Repubblica del Teatro Rossini sabato 22 novembre, in cui la compagnia ha incontrato la cittadinanza e la stampa.

“Gospodin – ha proseguito il regista - è un personaggio paradossale che esprime la sua poesia con i suoi atti di negazione, anzi, fa del paradosso il suo modo di vivere. Corre, inseguito sempre dai fantasmi di un mondo che non vuole accettare: supera cancellate, si perde nei supermercati, tenta di vivere con il baratto, nel bar che frequenta salta sul tavolo per dire la sua. Gospodin è una pura invenzione poetica e paradossale. In fondo Gospodin rappresenta tutti noi, quando vorremmo mollare tutto e vivere in pace, senza il condizionamento e la pressione incombente del guadagno che muove spesso i nostri passi, senza proiettarci ogni giorno nel traffico caotico, senza dover assumere decisioni con tutta l'ansia e l'angoscia che spesso le accompagnano.” 

Numerosi e calorosi gli applausi tributati a tutti i bravi attori in scena. In particolare mi è piaciuta Valentina Picello che dopo l'”Oscar del teatro” (il Premio Mariangela Melato per gli attori emergenti che le è stato assegnato lo scorso anno) ha ricevuto una settimana fa il Duse Social, tributo ambitissimo nel mondo teatrale.

 

Teatro Rossini

Piazza Lazzarini, Pesaro

Per informazioni e prenotazioni:

Tel. 0721 387621 (biglietteria) e 0721 387620 (portineria)

Email: teatri@comune.pesaro.pu.it

AMAT-La Platea delle Marche

Corso Mazzini 99- 60121 Ancona

Tel +39 071 2075880

fax +39 071 54813

Email: info@amat.marche.it

Website: www.amatmarche.net