Teatro di Nessuno, laboratorio e seminari di teatro a RomaIl Quaderno di Nessuno: Recensioni teatrali


Archivio: leggi tutte le recensioni

IL CONTE TACCHIA, recensione di Cristiana Cittadini


IL CONTE TACCHIA, recensione di Cristiana Cittadini


cristiana cittadini

E-mail
cristiana.cittadini@virgilio.it

Titolo Spettacolo
IL CONTE TACCHIA

Breve sinossi 
Tratto dal film omonimo di Sergio Corbucci narra la storia di Francesco Puricelli alias Conte Tacchia, i suoi amori, le sue passioni e soprattutto i suoi sogni.

Autore del testo
Enrico Montesano e Gianni Clementi

Città in cui è rappresentato
Roma

Genere
Commedia

Atti
2

In scena dal...al (date)
Dal 21 febbraio al 25 marzo 2018

Elenco principali attori
Enrico Monteesano - Giulio Farnese - Giorgio De Bortoli
Monica Guazzini – Andrea Pirolli
Benedetta Valanzano – Michele Enrico Montesano
Tonino Tosto – Roberto Attias – Elisabetta Mandalari
Gerry Gherardi – Sergio Spurio
Giacomo Genova – Ambra Cianfoni – Francesca Rustichelli

Regia
Enrico Montesano


IL CONTE TACCHIA, recensione di Cristiana Cittadini

 

 

Musical in puro stile americano al teatro Sistina, acrobazie e riferimenti al cinema felliniano, con la presenza di un vero e proprio circo sul palcoscenico.

Coreografie e scenografie mozzafiato, ballerini scatenatissimi danzano e volteggiano sulle note delle musiche originali del Maestro Trovajoli.

A fare da padrone è il grande mattatore Enrico Montesano, uno degli ultimi rappresentanti di un teatro che sta scomparendo, dove la figura dell’attore emerge violentemente dall’uomo e può misurarsi con il cinema. La sua esilarante e pittoresca esagerazione, la postura e il linguaggio del corpo, il suo rapportarsi con la comicità un pò fuori dalle righe ma mai volgare, fanno di Montesano una maschera del teatro togato di altri tempi, che con sacralità e sapienza i nostri padri ci hanno tramandato. La sua macchietta ricorda Chaplin e il Maestro Totò, istituzioni per il Teatro, quando balla e recita, come solo loro sapevano fare.

Romantica la scena d’amore tra Francesco Puricelli alias Conte Tacchia e la sua Armanda, con statue che si trasformano in angeli in movimento e coprono con un velo la malefatta per difendere l’onore del Conte, bellissima musica da sottofondo, giochi di luce e scenografie di Carlo De Marino.

Dopo Rugantino e Il Marchese del Grillo, grandi successi applauditi in tutta Italia, Enrico Montesano porta sul palcoscenico del teatro Sistina un altro personaggio popolare della Roma antica del Novecento, per chiudere la sua trilogia in bellezza.

Una commedia frizzante, romantica e tutta da ridere!