Teatro di Nessuno, laboratorio e seminari di teatro a RomaIl Quaderno di Nessuno: Recensioni teatrali


Archivio: leggi tutte le recensioni

Bisex in the city, recensione di Debora CUTULI


Bisex in the city - Recensione di Debora CUTULI

      
     

  • AutoreRecensione0: Debora Cutuli
  • email0: fly802000@yahoo.it
  • mailvisibile: Si
  • Titoloopera0: Bisex in the city
  • AutoreTesto0: ROBERTO D’ALESSANDRO E FRANCESCA NUNZI
  • Teatro0: Arena Teatrale Gay Village
  • Cittadirappresentazione1: Roma
  • Genere0: Commedia
  • Lingua0: Italiano
  • Atti0: 1
  • inscena0: 30/08/2007
  • Regia0: i picari
  • PrincipaliAttoriinscena0: ROBERTO D’ALESSANDRO FRANCESCA NUNZI

Bisex in the city - Recensione di Debora CUTULI            

 
     
 
 

Recensione:
   
Ispirandosi alla serie cult newyorkese "Sex and the City", due amici si cimentano nella stesura di un nuovo spettacolo malizioso e dissacrante: "Bisex in the city". La City in questione è Roma, scandagliata nel suo contesto sociale per fare una satira pungente del comportamento sessuale dei suoi abitanti. I due autori attingono ad esperienze dirette e di amici, ma soprattutto ad internet. Non a caso, il computer, al centro della scena, dà lo spunto per raccontarsi il sesso e le sue trasgressioni. Partendo dall'idea che in natura la bisessualità sia una costante in molte specie, i due attori scendono nel particolare di situazioni comico-erotiche giocando sui tanti tabù sessuali, proprio nella città dei papi. Esilarante a tal proposito è il pezzo sulla Chiesa: la confessione di una suorina che racconta dei suoi rapporti con i fornitori del convento.. Lo spettacolo si conclude con la scoperta di un ménage à trois al sapor d''nduja' proprio tra i due attori ed il loro fonico. Il finale a sorpresa è dato da una voce marziana fuori campo che reclama il diritto ad essere il vero autore dello spettacolo, riportando gli attori al ruolo di semplici personaggi. Ma la Nunzi e D'Alessandro non si risparmiano, ed intonano un vademecum del Sex & Bisex nella Città Eterna dettagliato per quartieri, per poi congedare il pubblico con un immancabile: "Andate in PACS!".