Recensioni Teatrali

Il Quaderno di Nessuno: Recensioni Teatrali

 Il Quaderno di Nessuno è anche: QdN documenti - QdN Articoli


Invia le Tue Recensioni Teatrali (solo utenti registrati)                                                             Archivio, Leggi tutte le Recensioni Teatrali


Vuoi collaborare con noi ed inviare le Tue Recensioni Teatrali o anche solo le Tue impressioni su uno spettacolo teatrale?

Vorremmo riunire un gruppo di appassionati di teatro, che amino scrivere le loro recensioni, i loro commenti sugli spettacoli di cui sono stati spettatori.
Dunque la possibilità di collaborare spazia dalla semplice stesura delle proprie impressioni, anche un breve commento, alla realizzazione di una vera e propria recensione.
 
Come tutte le nostre iniziative la Tua recensione, sarà gratificato esclusivamente dalla sua pubblicazione e la collaborazione dovrà essere totalmente gratuita, come gratuito è il lavoro di tutti quelli che collaborano a questo sito.

Se poi, leggendo, hai qualche idea, scrivila, ne saremo lusingati e la studieremo con attenzione.
 
Aspettiamo le Tue recensioni e/o le Tue idee.

Lo Staff del Teatro di Nessuno


ARCHIVIO RECENSIONI TEATRALI

Titolo Data Sinossi
Attimi, Una nessuna centomila - Recensione di Cristiana CITTADINI

Racconto autobiografico di Gabriella Di Luzio, che percorre i momenti della vita più intensamente vissuti, tra ricordi ed emozioni, in una sequenza un pò delirante e disordinata. Monologo accompagnato dalle note del pianoforte del Maestro Mario Messina.

Napoletango - Recensione di Cristiana CITTADINI

La famiglia Incoronato viene chiamata a Napoli per cerimonie e feste di paese e la sua specializzazione è il tango.

DISPLACE N. 1 - LA RABBIA ROSSA - Recensione di Alessandra CAPONE

Si intende, fornire una fulminea percezione della rabbia, della sua gestazione nel cuore dell'essere umano, dell'istante stesso in cui esplode,
senza trascurare gli affanni, le ansie e la solitudine che provoca.

Un sogno nella notte dell'estate - Recensione di Alessandra CAPONE

Massimiliano Civica, riaprendo le scene italiane a una nuova visione di Shakespeare, non intende proporre un semplice esercizio letterario ma rappresentare un'idea di profonda conoscenza e indagine sul senso e la funzione che quest'opera occupa sul piano teatrale internazionale.

Jesus Christ Superstar 2010- Recensione di Cristiana CITTADINI

Musical in chiave rock in lingua originale racconta, dal punto di vista di Giuda,l'ultima settimana di vita di Gesù,dall'entrata a Gesuralemme fino alla morte,dopo il processo,la condanna,la flagellazione e la crocifissione.

Incendies - Recensione di Alessandra CAPONE

Jeanne e Simon, si trovano costretti a ripercorrere a ritroso il percorso di vita della madre, Nawal, defunta per ritrovare il padre e il fratello. Scopriranno verità celate dalla madre con un autoimposto silenzio durato 5 anni. 

MOLIERE: Il Misantropo - Recensione di Lorenzo GUERRIERI

“Non scherzate. Non è il tempo di ridere, ma di arrossire invece”. Così Popolizio nei panni di Alceste esordirà contro la sua amata Celimene, quando la scoprirà traditrice e menzognera

SHAKESPEARE: Sogno di una notte di mezza estate - Recensione di Alessia Di MATTEO

E’ impossibile ridare a Shakespeare quel che è di Shakespeare, è ineseguibile la trasposizione della musicalità del suo elegante linguaggio elisabettiano nella sgraziata verbalizzazione dell’attuale lingua italiana.

IBSEN: Casa di Bambola - Recensione di Marco LUCHERINI

Una messa in scena alquanto insolita per questa "Casa di bambola", che il regista Eugenio Pochini ha riadattato in chiave simbolica e dove gli attori interpretano personaggi-manichini imprigionati nella casa(palcoscenico)...

Un sogno di famiglia - Recensione di Tania CROCE

La vita vera e la normalità sono le cose più attraenti e irrealizzabili come i sogni, questo è il messaggio di Enrico Montesano nell’ultima commedia inedita che ha debuttato questa sera al Sistina.

Lo zio Leone - Recensione di Carlo BARBERA

"Lo zio Leone" nasce nel 2006 come monologo teatrale in occasione del festival "Teatro e Shoah", bandito dall'Università di Tor Vergata (Roma)

SHAKESPEARE: La Tempesta - Recensione di Alessandro PESCE

Andrea De Rosa ne dà una lettura molto onirica, cupa, desolata, ma anche ,almeno nelle intenzioni, calata negli abissi e nei labirinti della mente dove i personaggi si perdono, illudendosi di ritrovare la pace dell'anima, ma che alla fine si arrendono: la vita è un sogno, anzi, è un incubo.

Zona Paradiso - Recensione di Cristiana CITTADINI

Nel condominio in zona Paradiso è scomparsa una certa Grazia Losappio una studentessa di lingue di circa 25 anni. Il suo telefono è sempre spento e si esclude la sua fuga.

L'infedele - Recensione di Maria ASSERGI

Commedia brillante ed elegante, magistralmente interpretata dagli attori della giovane Compagnia teatrale Gli Sbandati di Teramo

Troppo buono - Recensione di Elena SACCOMANI

...La “Bontà” proprio non “paga” più… E per ricordarcelo – e rammentarlo soprattutto a se stesso … - è in tournee dal 6 novembre scorso, quando ha debuttato al teatro Dante di Campi Bisenzio, la ripresa dello spettacolo con Giulio Scarpati,

Cyrano di Rostand - Recensione di Alessandro PESCE

La scena, nella nuova edizione prodotta dal Teatro di Roma è un emiciclo semivuoto e grigio dove un praticabile composto da panche di legno dividono di volta in volta lo spazio scenico ricreando i momenti dell'azione e  dove i personaggi vestono in costumi grigi o bianchi, vagamente atemporali

Tutto quello che le donne (non) dicono - Recensione di Cristiana CITTADINI

Debutta al Teatro Sala Umberto lo spettacolo di Francesca Reggiani, con le sue battute brucianti, con i suoi ritratti feroci, ma veritieri.

Una strana pulce nell'orecchio - Recensione di Lino GIORDANO

Il teatro di Feydeau è tuttora efficacissimo nella sua comicità solo se chi rappresenta sulla scena lo scoppiettio delle situazioni intriganti è in grado di coinvolgere gli spettatori, lasciandoli in continua suspence e senza fiato.

Oddio Mamma - Recensione di Alessandro PESCE

La piece di S.Bobrick e J.Stein, tradotta e adattata molto intelligentemente dagli stessi interpreti Urbano Barberini e Franca Valeri, senza inutili riferimenti all'attualità, è strutturata secondo la collaudatissima formula dell'epistolario

Avenue Q Via della sfiga - Recensione di Cristiana CITTADINI

Esplode al Teatro Olimpico il musical più “peloso” dell'anno Avenue Q. Il suo debutto ha conquistato il pubblico...

The Kitchen - Recensione di Alessandro CARUSO

"The kitchen" mette in scena la vita frenetica, l'irrequietezza e l'insofferenza di cuochi, aiuto cuochi e camerieri che lavorano tra i fornelli.

La sedia vuota. Liturgia della parola per Alda Merini - Recensione di Matteo TUVERI

Il reading, breve e intenso, è stato concepito come un dialogo fisico e logocentrico con le opere di Francesco Ciusa custodite nella "Sala sarda" della Galleria Comunale di Cagliari.

Three solos and duet - Recensione di Marialuisa CORTESI

Nel primo appuntamento di Civitanova Danza 2009 è stato possibile vedere Michail Baryshnikov ballare con Ana Laguna

GOLDONI: La serva amorosa - Recensione di Claudia SPAGNOLI

Nel panorama del teatro attuale...la compagnia fondata da Paolo Ferrarelli e da sua moglie Marina Mercuri, da oltre dieci anni, si distingue proprio per la sua capacità di riprodurre fedelmente il modello tradizionale, seppur re-interpretandolo in chiave moderna

Superwoobinda - Recensione di Alessia DI MATTEO

Lo spazio è piccolo, la musica coinvolgente, gli artisti che ti trovi di fronte esilaranti. E’ così che ti proietti dopo pochi minuti lì a condividere, a respirare, ad agire quei movimenti che ti appartengono, che fanno parte del tuo quotidiano, che rifiuti, che non accetti ma ne sei affetta.

Conversazione con l’uomo nell’armadio - Recensione di Debora CUTULI

Nel racconto di McEwan, qui adattato per il teatro, ci troviamo di fronte ad un lavoro di indagine nel mondo enigmatico e perverso dell’infanzia e dell’adolescenza

Risate in alto mare - Recensione di Stefania NINETTI

A bordo della traballante nave da crociera "Forse ci arriviamo" - in realtà un vecchio peschereccio abbandonato e sistemato alla men peggio - un improbabile e strampalato equipaggio sta espletando le ultime formalità di imbarco...

Terapia di gruppo - Recensione di Libera SOLE

La commedia è ricca di situazioni deliranti tra i bizzarri protagonisti che si alternano sul palco nei tre differenti ambienti resi in modo semplice e pulito da un gioco di luci e pedane rialzate.

Voci dal mediterraneo, riflessi d'oriente, recensione di Matteo TUVERI

La rinascita per Alkestis arriva dall’Iran- Sabato 17 novembre 2007 in Teatro Alkestis si è officiato un rito intimo e delicato

Por la vida, recensione di Eliana LENTISCO

E' uno spaccato realistico e fedele,ma anche struggente e appassionato, della ferita inferta ai grandi cuori delle madri argentine e del mondo intero, da una delle peggiori dittature

Bisex in the city, recensione di Debora CUTULI

Ispirandosi alla serie cult newyorkese "Sex and the City", due amici si cimentano nella stesura di un nuovo spettacolo malizioso e dissacrante: "Bisex in the city"

For ever ovvero l'assenza, recensione di Vincenzo FAVA

"For ever" può essere considerato un viaggio nell’animo e nei sentimenti di una donna che grida al mondo il suo travaglio interiore, le sue sofferenze e i suoi pensieri più intimi che scaturiscono da una vicenda autobiografica riconosciuta visceralmente e proiettata poi al di fuori di sé stessa

Il viaggio, recensione di Cristina BELOGI

Essenziale e incisiva la scrittura di Nini Ferrara. Una sensibilità, la sua, che gli ha permesso di catturare, per un istante far propria, per poi liberarla, la natura femminile nel suo significato più profondo, quello della maternità

Falò, recensione di Monica GERMANI

L'associazione culturale Focofieno ha presentato a Monticchiello uno spettacolo frizzante guidato dalla sapiente regia di Valentina Bischi

Ago, Bianca e..........uno e basta - Recensione di Cristiana CITTADINI

Quante volte ci siamo chiesti come e quando incontreremo la nostra anima gemella e soprattutto se saremo in grado di riconoscerla. Orbene, questo spettacolo può fornirci la risposta a la famosa domanda esistenziale.

Hospitality Suite - Recensione di Cristiana CITTADINI

Tre personaggi si trovano nella suite di un albergo a Kansas City, dove aspettano di incontrare il Presidente di un'importante azienda, per concludere l'affare più grosso del secolo, di fronte al quale ci imbattiamo in tre diverse personalità a confronto.

Di a da in con su per tra fra Shakespeare - Recensione di Cristiana CITTADINI

Mi trovavo a Milano e con mio grande stupore ho assistito a una sublime rappresentazione teatrale, allestita in occasione della festa del teatro.

Acqua, recensione di Cristina LOIZZO

Un uomo e una valigia. La sua. Apparentemente vuota, con solo un lume. In realtà ricchissima di pensieri, emozioni, frasi udite e proferite.

Eduardo DE FILIPPO: Napoli Milionaria - Recensione di Carlo BARBERA

Lo spettacolo di Luca è una fedelissima riproduzione di quanto faceva suo padre; anche lui stesso sembra in certi momenti, da lontano, Eduardo. E' comunque molto bravo e recita in maniera brechtiana...

H to he. I'm turning to a man - Recensione di Cristina LOIZZO

Un basso tavolino nero, dei manichini con vestiti anni Ottanta e un paravento sul fondo; così si presenta il palco di H TO HE, esilarante pièce di Claire Dowie dal 14 al 19 febbraio 2006 al Teatro Vascello di Roma

SCHNITZLER: GIROTONDO - Recensione di Cristina LOIZZO

Circa un’ora e quaranta di spettacolo abilmente recitato da tutti e dieci i protagonisti per condurre gli spettatori nel girotondo dell’amore

Volare è peggio - Recensione di Lucia PERROTTI

Quattro trentenni calpestano pochi metri quadri di un appartamento cittadino. Calpestano intanto la loro voglia di vivere:hanno paura di aprire la porta; e uccidono giorno dopo giorno le loro speranze .

"Una storia d'amore" - Anton Cechov e Olga Knipper - Recensione di Anna MAFFEI

Chi ha del teatro russo e dei suoi scrittori l’idea di qualcosa di austero, contegnoso magari anche noioso, con il Cechov di “Una storia d’amore”, dovrà ripensarci un tantino.

ODYSSEUS, recensione di Cristina LOIZZO

Gli dei sono riuniti nell’Olimpo per rievocare la sorte dei capi achei dopo la caduta di Troia; Atena ricorda a Zeus di un uomo, Ulisse, non ancora tornato a casa poiché prigioniero nell’isola di Ogigia, trattenuto dalla dea Calipso...Così ha principio l’Odissea

CAMILLERI: La Concessione del Telefono - recensione di Carlo BARBERA

Si tratta di un lavoro molto brutto, lo dico senza mezzi termini, altamente confusionario, in cui la grande capacità registica di Giuseppe Dipasquale, che ne è anche coautore, è riuscita a mascherare tutte le enormi carenze del testo.