Il Quaderno di Nessuno: saggi, letteratura e documentazione teatraleIl Quaderno di Nessuno

Newsletter di Saggi, Letteratura e Documentazione Teatrale


Iscrizioni                                                                                                                      Archivio: leggi tutti i documenti sul teatro

Eugenio Barba lascia la direzione del Nordisk TeaterLaboratorium


3004 iscritti / anno XVIII,  n ° 96 - 3/2019


Eugenio Barba lascia la direzione del Nordisk TeaterLaboratorium

 

Eugenio Barba
Eugenio Barba

Il 29 marzo 2019 compare sul sito dell'Odin teatret una lettera di Eugenio Barba in cui comunica che lascerà la direzione dell'Odin Teatret  dal 31 dicembre 2020.

La lettera, sintetica ma nello stesso tempo intensa e ricca di ricordi e riflessioni, ripercorre il cammino dell'Odin teatret dalla nascita.

"Eravamo in cinque nel 1964, io e quattro giovani rifiutati dalla State Theatre School di Oslo, in Norvegia...un piccolo gruppo amatoriale curioso e ingenuo... convinti che dovevamo pagare di tasca nostra per il teatro che volevamo fare...Nel 1966 il nostro gruppo teatrale si trasferì a Holstebro in Danimarca... Il teatro non può essere ridotto  semplicemente a una performance che può essere comprata con un biglietto. La nostra professione ha una dimensione i cui valori sono imponderabili, ma che lasciano tracce profonde.......
È tempo per me di lasciare il comando...Sono stato direttore di un teatro che voleva intervenire nella realtà circostante. Ho seguito la strategia dei cerchi nell'acqua. Ho lanciato una pietra che sapevo come e dove scagliare...Non ho eredi né eredità da lasciare.  Il mio insegnamento non viene trasmesso o estinto. Evapora. E cade come la pioggia sulla testa di chi meno se lo aspetta."

Chiunque abbia "fatto teatro" a qualsiasi livello, con qualsiasi metodo, non può non essere stato influenzato dalla "pietra" lanciata da Eugenio Barba e dal riverbero dei "cerchi nell'acqua".

Dove, o meglio, su chi "cadrà la pioggia"?



29 marzo 2019

Eugenio Barba lascia la direzione del Nordisk TeaterLaboratorium

Il 31 dicembre 2020 lascerò la mia posizione di direttore del Nordisk Teaterlaboratorium di Holstebro. Il compito di coordinatore artistico sarà assunto da Julia Varley, e dal 1 ° gennaio 2021 la responsabilità generale sarà nelle mani di un nuovo direttore scelto dal consiglio di amministrazione.

Eravamo in cinque nel 1964, io e quattro giovani rifiutati dalla State Theatre School di Oslo, in Norvegia, tra cui Torgeir Wethal e Else Marie Laukvik che sono rimasti al mio fianco. Abbiamo fondato una società per azioni e abbiamo diviso le azioni tra di noi perché la terra appartiene a coloro che lo coltivano. Abbiamo dato al nostro teatro il nome di Odino, un dio nordico che scatena le sue forze oscure per distruggere o dare intuizione. Eravamo un piccolo gruppo amatoriale curioso e ingenuo. Amavamo viaggiare nel regno dei morti - la storia del teatro. Eravamo convinti che dovevamo pagare di tasca nostra per il teatro che volevamo fare. In silenzio, con il rigore trappista, abbiamo fatto i primi passi come autodidatti verso una conoscenza che è diventata anche la conquista della nostra differenza.

Nel 1966 il nostro gruppo teatrale si trasferì a Holstebro in Danimarca. I suoi politici hanno accolto questi giovani attori stranieri sconosciuti e - come eccezione nella storia dell'Europa - generazione dopo generazione li hanno sostenuti anche nei primi anni in cui la popolazione era ostile al loro strano modo di fare teatro. Holstebro divenne la nostra patria, qui nacquero i nostri figli, qui alcuni di noi sono sepolti, qui le nostre ali crebbero.

Nel corso degli anni ci siamo trasformati nel Nordisk Teaterlaboratorium, un ambiente internazionale di iniziative nel campo della tecnica degli attori e dell'uso del loro mestiere nella comunità. Il teatro non può essere ridotto semplicemente a una performance che può essere comprata con un biglietto. La nostra professione ha una dimensione i cui valori sono imponderabili, ma che lasciano tracce profonde: la qualità delle relazioni, lo sviluppo di una micro-cultura, la pratica di un laboratorio sociale in continua ricerca, un'ostinazione quotidiana che è impegno spirituale e politico, la capacità di nutrire una resistenza contro la routine di indossare e lo spirito del tempo.
Il nostro laboratorio ha aperto la strada a numerose attività: site specific e street performance, pedagogia alternativa e pura ricerca, indagini sociologiche, pubblicazione di riviste e libri, produzione di film didattici, incontri e scambi regolari con gruppi teatrali di tutto il pianeta, collaborazione con maestri delle tradizioni asiatiche e latino-americane e della cultura afro-brasiliana. I nostri attori sono diventati registi, guide per generazioni, falsi di avventure: "The Bridge of Winds" di Iben Nagel Rasmussen, Transit Festival e Magdalena Project di Julia Varley e altre donne nella professione, l'Odin Week Festival di Roberta Carreri, il Laboratorio Village di Kai Bredholt e Per Kap Jensen, la pratica di un teatro di reciprocità come baratto culturale, l'ISTA, la Scuola internazionale di antropologia teatrale, gli Living Arch di Odin Teatret e la Festuge - la settimana festiva - che teatralizzano e svelano la varietà delle sottoculture di Holstebro.
Oggi il Nordisk Teaterlaboratorium è profondamente radicato nella storia di Holstebro e nelle sue sfide nel presente. Il suo ambiente comprende diversi gruppi indipendenti guidati da artisti teatrali, studiosi e start-tori con una mentalità da "laboratorio" e un modo di procedere: esplorare, attraverso l'arte dell'attore, nuove relazioni e condizioni affinché l'imprevedibile possa accadere.

È tempo per me di lasciare il comando, la responsabilità e il peso delle 101 decisioni quotidiane a coloro che manterranno in vita l'essenziale che io e i miei compagni abbiamo distillato durante questi 56 anni. Sono stato direttore di un teatro che voleva intervenire nella realtà circostante. Ho seguito la strategia dei cerchi nell'acqua. Ho lanciato una pietra che sapevo come e dove scagliare. I cerchi si allargano, spostano le cose che sono vicine, producono minuscole correnti invisibili. Ma io che ho lanciato la pietra, non posso né voglio determinare il loro futuro.

Come una nuvola continuo il mio viaggio. Sto provando due nuove esibizioni con i miei attori Odin. Continuerò a incontrare i gruppi del Terzo Teatro. Non rinuncerò alle mie ricerche sul passaggio dallo spazio interiore dell'attore al suo primo segno percettibile nello spazio condiviso con lo spettatore.

Non ho eredi né eredità da lasciare. Il mio insegnamento non viene trasmesso o estinto. Evapora. E cade come la pioggia sulla testa di chi meno se lo aspetta.

Eugenio Barba


Il testo è una nostra traduzione da https://odinteatret.dk/news/eugenio-barba-leaves-the-direction-of-the-nordisk-teaterlaboratorium/