VOGGHIU FARI U BAMMINEDDU

Inviato da Rocco Chinnici il Dom, 02/12/2012 - 16:51
Durata
tra 60 e 90 minuti
Anno di Stesura
2000
Lingua
Vernacolo
Genere
Ragazzi
Numero Atti
2
Sinossi

 

“Vogghiu fari u bammineddu. La commedia in due atti è ambientata in una comune casa di paese dove si intreccia una vicenda un po’ particolare. Protagonista di questa vicenda è Sarbatori (o come viene ripetutamente chiamato dal parroco padre Agostinu, “Sarbatureddu”) un bambino che avanza delle pretese un po’ particolari per la sua età. Egli, infatti, vuole prendere parte al presepe vivente che il parroco del paese sta organizzando per la notte di Natale, ma l’assurdità della sua richiesta risiede nel fatto che egli voglia fare la parte del bambinello. Come è nata in testa a Sarbatori questa strana idea? Semplicemente da una battuta, in scherzo del parroco che una volta incontratolo gli disse: “Sarbatureddu tu l’ha fari u bammineddu”. I numerosi tentativi fatti dai vari personaggi per distogliere Sarbatori da questa idea risultano fallimentari. Sarà egli stesso a rendersi conto che quello non è il ruolo che fa per lui; solo allora Sarbatori capirà che prima di rappresentare qualcos’altro, è necessario rappresentare se stessi; dietro questa riflessione capirà qual’è la sua vera entità, perché, citando alcune delle parole di R. C. “Più si è se stessi più si è”.

Personaggi Femminili
8
Numero minimo personaggi Femminili
8
Personaggi Maschili
6
Numero minimo personaggi Maschili
6
Dopositato Siae
Si
Premi & Riconoscimenti
No
Dichiarazione
Acceso