CUPIDO VA IN PENSIONE

Inviato da Angelo Brunori il Mer, 04/28/2021 - 21:50
Durata
tra 90 e 120 minuti
Anno di Stesura
2013
Lingua
Italiano
Genere
Commedia
Numero Atti
2
Sinossi

Siamo in Paradiso, va tutto a gonfie vele, ma qualcosa turba S. Pietro e la perfezione di questo luogo:

l’operato dell’angelo Cupido...

Avete capito bene, proprio lui il simbolo pagano dell’amore della mitologia romana.

Viene accolto in paradiso da S. Pietro proprio per la forte devozione che gli uomini nutrono per lui.

Purtroppo si sa, Cupido e uno spirito libero e proprio per questo qualche volta crea scompiglio creando non pochi problemi.

S. Pietro, deluso e preoccupato da questa spiacevole situazione, lo convoca e lo informa che la situazione nel mondo sta degenerando.

Pur ritenendo Cupido responsabile di ciò che sta succedendo, decide di dargli un’ultima possibilità:

mandarlo sulla terra per cercare di redimerlo, ma senza il sacro arco e controllato a vista dal suo collaboratore, l’Arcangelo Michele.

I due dovranno aiutare un vecchio sacerdote, padre Ignazio, che gestisce un orfanotrofio.

Nonostante tra i due angeli “sacro e profano” non corra buon sangue, tra screzi e simpatiche incomprensioni, cercheranno di salvare l’orfanotrofio dallo sfratto da parte del cinico e insopportabile Conte Fanfarini.

 Il Conte, proprietario dello stabile, propone a Cupido un patto:

revocare lo sfratto, in cambio Cupido dovrà aiutarlo a conquistare l’amore della maestra Isabella.                            

Per Cupido, senza il suo adorato arco, l’impresa si prospetta disperata, per riuscire dovrà usare tutto il suo ingegno e la sua esperienza.

Ne succederanno di tutti i colori e nonostante tutto riuscirà a far innamorare Isabella.

Malgrado i suoi sforzi l’orfanatrofio sembra compromesso dai debiti accumulati e nascosti a Cupido dal Conte Fanfarini 

Per riscattarsi agli occhi di Isabella il Conte Fanfarini rinuncerà alla sua tenuta saldando i suoi creditori, salvando così l’orfanatrofio ma soprattutto l’amore per Isabella.

Cupido, riuscendo nell’impresa salva l’orfanatrofio e la missione affidatagli da S. Pietro tornando in Paradiso.

Cupido, prima riluttante a scendere sulla terra, cambia idea dopo l’esperienza terrena.

Confessando a S. Pietro il desiderio di scendere sulla terra per aiutare l’orfanatrofio.

S. Pietro accetta suo malgrado, solo ad una condizione: che lui diventi mortale.

Cupido felice di poter aiutare i suoi orfani, accetta.

Personaggi Femminili
6
Numero minimo personaggi Femminili
4
Personaggi Maschili
5
Numero minimo personaggi Maschili
5
Dopositato Siae
Si
Dichiarazione
Acceso