La Domanda di uno Sconosciuto, copione di Sandro Conte

La Domanda di uno Sconosciuto, copione teatrale di Sandro Conte

Sandro Conte la domanda di uno sconosciuto

copione originale del 2007



In un salotto del dopo-teatro, un Uomo Sconosciuto pone un quesito bizzarro e inusuale
Breve commedia filosofica per chi ama stare con i piedi per terra


 

La Domanda di uno Sconosciuto, copione teatrale di Sandro Conte

Scheda tecnica

  • Titolo    La domanda di uno sconosciuto (Storia di due storie)
  • Autore    Sandro Conte
  • Genere    Commedia filosofica
  • Atti    1
  • Durata stimata    30′
  • Personaggi    3
  • SIAE 2 Gennaio 2007

In considerazione del carattere paradossale della vicenda, la distinzione in ruoli femminili o maschili è veramente soggettiva, e dunque è impossibile indicarla a priori. Alcuni personaggi possono essere intesi sia al maschile che al femminile, esclusivamente in funzione delle scelte di regia. Nella versione qui disponibile per la lettura il copione è redatto per due uomini e una donna, ma potrebbe essere anche l’opposto.

  • Ambientazione    Qualsiasi epoca

SINOSSI di questa storia strampalata

In un salotto del dopo-teatro, un Uomo Sconosciuto pone un quesito bizzarro e inusuale.

Un Autore che, presente in quel salotto, inverosimilmente e senza un perché accetta un incarico dall’Uomo Sconosciuto: raccontare in prima persona una vicenda accaduta all’Uomo, come se fosse in realtà accaduta a lui.

Due Storie, due Favole che, ancor più inverosimilmente, si incarnano per raccontare se stesse.



Richiedi i nostri Copioni Teatrali

Potrebbero interessarti anche...


Il Giardino dei Ciliegi cechovSeminario Teatrale Residenziale Estivo

nel Chianti in Toscana

Nel 2024 3 gruppi: 27 luglio - 3 agosto // 10 - 17 agosto // 17 - 24 agosto – ISCRIZION

Una settimana di teatro full immersion condotta da  Sandro Conte 

si lavorerà su Il Giardino dei Ciliegi (1904) di A. Cechov, su cui realizzeremo una breve performance finale

Tecniche da Stanislavskij a Grotowski e all’ Odin Teatret di Eugenio Barba.

Ti aspettiamo

Questo si chiuderà in 20 secondi